Mai mentire ai nostri bambini: è in famiglia che imparano ad essere sinceri.

Essere sinceri è eticamente corretto. Esserlo con i piccoli è indispensabile. I bambini devono ricevere risposte sincere alle loro domande. Raccontare una menzogna è falsità. Lasciare inevasa una riposta, può far credere che ci sia qualcosa da nascondere, un segreto. Il segreto è deleterio, perché lascia nell’incertezza e crea tensioni emotive. È in famiglia che i piccoli imparano la verità. Raccontare loro il vero con parole semplici, comprensibili e rassicuranti, infonde fiducia e permette di sviluppare tutte le potenzialità. Gli adulti, infatti, sono le fonti autorevoli cui il bambino si attiene.

In situazioni emotivamente sconvolgenti, spesso l’adulto teme di parlare sinceramente al piccolo, perché non si sente egli stesso in grado di gestire l’accaduto. Di fronte a eventi tragici, quali la perdita di un familiare, i grandi frequentemente scelgono di omettere o di non dire la verità. Sicuramente l’adulto, che agisce in questo modo, lo fa perché ritiene il bambino non in grado di capire oppure per tutelarlo, evitando che subisca un danno emotivo. Non nascondere la verità e parlare, anche di fatti spiacevoli, insieme ai nostri piccoli, invece è molto importante: evita che si colpevolizzino, credendo di essere essi stessi la causa della sofferenza dell’adulto. Tradurre il dolore in parole, inoltre permette più facilmente di elaborare la sofferenza. Accettare il dolore, come parte imprescindibile dell’esistenza, aiuta a rinsaldare l’autostima.

Angela Civera

visita il sito dell’autrice http://angelacivera.tumblr.com/

 

http://www.freedigitalphotos.net/

 

Archiviato in:

Crediti